LA CAMPANIA BRUCIA: È LA TERRA DEI FUOCHI!

La Campania è in fiamme. Negli ultimi dieci giorni incendi, secondo i primi accertamenti sembra si tratti di origine dolosa,sono stati all’origine di interventi massicci di Vigili del Fuoco, Protezione Civile e volontari impegnati ad arginare i numerosi fronti esplosi improvvisamente ed allargatisi distruggendo decine di ettari di bosco. Si tratta dell’incendio più grave degli ultimi 50 anni.Fiamme alle falde del Vesuvio, in Costiera amalfitana e nel Cilento. La contemporaneità degli incendi, in Campania e in altre regioni italiane, ha reso difficili le operazioni, molti dei mezzi di soccorso, elicotteri ed aerei antincendio, sono fermi per guasti e manutenzione. Le condizioni meteorologiche, caratterizzate da temperature elevate, mancanza di precipitazioni piovose è forte vento hanno contribuito all’avanzamnto delle fiamme.

L’area vesuviana durante gli incendi è stata interessata dalla combustione di sostanze nocive rimaste sospese nell’aria per numerosi giorni, il vento ha spinto l’aria malata fino all’Irpinia, il cielo è rimasto per giorni di colore giallo, molte persone hanno avvertito fastidi alle vie respiratorie. Nessun invito, rivolto dalle autorità alla cittadinanza a limitare le uscite per strada durante i giorni dell’incendio del Vesuvio, nonostante gli interventi di medici ed esperti di Ambiente.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: